News

MUTUO PRIMA CASA – quali tipologie esistono e quali sono i requisiti per richiederlo

By 21 Ottobre 2020No Comments

Abbiamo visto in un precedente video come quando si decide di comprare casa la prima cosa da fare è valutare la nostra capacità economica e, se nella nostra valutazione dobbiamo optare per la stipula di un mutuo proviamo a vedere quali potrebbero essere le soluzioni.

Il mutuo prima casa può essere dell’80% oppure del 100%.
Acquistare casa abbiamo visto essere una bella avventura ma bisogna fare molta attenzione ai costi che non sono solo quelli dell’acquisto vero e proprio, occorre considerare tutti i costi accessori, come la tassa di registro, il notaio e l’agenzia, eventuali costi di accensione del mutuo, l’acquirente deve prepararsi a dover pagare circa un 20% in più di quanto costa l’immobile quindi a volte potrebbe essere necessario dover accedere al mutuo 100%.

Esistono due tipi di mutuo, il mutuo fondiario ed il mutuo ipotecario, il mutuo fondiario non è mai superiore all’80% del valore dell’immobile mentre il mutuo ipotecario arriva a finanziare fino al 100% il valore dell’immobile.
La durata dipende dalla banca con cui si stipula il mutuo, è possibile sottoscrivere un mutuo che sia fondiario piuttosto che ipotecario rimborsabile in 10, 15, 20, 25 0 30 anni, sappiamo che la maggior parte delle banche non concedono mutui con durata che portino ad una estinzione oltre i 75 anni di età del mutuato.

Occorre fare molta attenzione alla tipologia di mutuo da fare, se un mutuo a tasso fisso, variabile o misto, non è facile scegliere un mutuo, la scelta deve tener ben conto del proprio bilancio familiare sia al momento della stipula, ma anche, nel limite del possibile, di quella che potrà diventare la situazione futura. E’ chiaro che un mutuo a tasso variabile oggi potrebbe essere veramente conveniente visti i bassi tassi di interesse che vengono applicati ma non darebbe certezze sul futuro, di contro il tasso fisso è forse leggermente più elevato ma sicuramente più certo e sicuro, anche la durata è un elemento importante, un mutuo a breve termine comporterà delle rate più elevate mentre un mutuo più a lungo termine avrà una rata più leggera ma dovremo pagare più interessi.
Come decidere quanto mutuo richiedere? Occorre considerare che il rapporto fra la rata da pagare per il rimborso del mutuo non deve mai superiore il 30% del reddito familiare.

Come abbiamo detto possiamo anche richiedere un mutuo al 100% ma, per poter ottenere un mutuo al 100% sono necessarie alcune garanzie più restrittive:
• chiaramente avere stabilità lavorativa, capacità economica e finanziaria, sarà quindi necessario avere sicuramente almeno un lavoro a tempo indeterminato;
• viene richiesta la sottoscrizione di una polizza fideiussoria che copra la differenza fra l’80% ed il 100% concesso;
• alcune banche chiedono un terzo garante, ossia una persona che possa garantire il rimborso del mutuo nel caso in cui il mutuato non riesca a far fronte al pagamento delle rate.

Ottenere un mutuo al 100% non sempre è facile in ogni caso la banca concederà sempre il mutuo in base al valore di perizia, più garanzie si riescono a dare più è probabile poter ottenere un mutuo al 100%.

Quando non ci sono sufficienti garanzie si può tentare la strada del fondo di garanzia giovani che puo però essere richiesto solo per un importo non superiore ai 250.000,00 euro, conosciuto come mutuo consap.

Possono accedere al fondo di garanzia soggetti che abbiano determinati requisiti ossia:
• giovani coppie in cui almeno uno dei due componenti abbia meno di 35 anni;
• persone singole, separati, divorziati o vedovi con un figlio minore;
• giovani con età inferiore a 35 anni con contratti di lavoro atipici;
• affittuari di alloggi di case popolari

sono poi necessari altri requisiti ossia:
• l’immobile che andiamo ad acquistare deve essere l’abitazione principale;
• il richiedente non deve essere proprietario di altri immobili;
• chiaramente l’immobile che si va ad acquistare non deve rientrare fra le categorie di beni di lusso, ville, castelli e palazzi storici.

In conclusione conviene il mutuo al 100%?
Conviene sicuramente nel caso non si abbia a disposizione l’intera liquidità necessaria per sostenere tutti i costi di acquisto della prima casa. Diversamente, dato il tasso più elevato e le numerose garanzie richieste per l’erogazione del mutuo al 100% non sarebbe conveniente richiedere un mutuo per l’intero prezzo di acquisto di un immobile.